Francobollo Mino Reitano?

Categorie: Varie
Tag: Nessun Tag
Commenti: 3 Commenti
Pubblicato il: 30 December 2009

francobollo mino reitanoNon voglio sembrare inutilmente polemico, però un francollo dedicato a Mino Reitano nella Giornata della Musica 2009 mi sembra eccessivo.

E proprio nel 2009 ci sarà un bis per la musica leggera italiana con un francobollo che sarà dedicato a un altro brano di popolarità indiscussa: la canzone di Mina «Tintarella di luna». La Consulta ha dato l’ok a vari francobolli aggiuntivi tra i quali quelli destinati a celebrare il centenario del Corriere dei piccoli, la storica moto italiana «Ducati», il terremoto di Messina del 1908, il centenario della morte di Edmondo De Amicis. La Consulta ha pure integrato il Programma delle emissioni 2009 con francobolli dedicati a Indro Montanelli e Norberto Bobbio, nel centenario della nascita, e a padre Agostino Gemelli, nel cinquantenario della morte.

[Corriere della Sera, 3/1/2008]

Immagino che quello dedicato a Mike Bongiorno sia in preparazione…

Nello stesso giorno, ne hanno emessi atri due dedicati a Nino Rota e Pavarotti. In entrambi i casi anche la grafica fa un po’ pena.

Oltre a quello già citato, un altro francobollo legato alla musica leggera è quello che ricorda il 50mo anniversario di Volare (Nel blu dipinto di blu).

La gerontocrazia commemora sé stessa. Come tale, non è in grado di celebrare non dico il futuro, ma nemmeno la contemporaneità.

Cfr. la serie delle poste inglesi Classic Album Covers – 7 January 2010.

Ecco i dati del francobollo:

Data di emissione: 24 ottobre 2009
Valore: € 1,00
Tiratura: tre milioni di esemplari
Vignetta: il valore di € 1,00 raffigura il cantante Mino Reitano durante un’esibizione;
Su ogni francobollo è riprodotto, in basso al centro, il logo della manifestazione “ITALIA 2009”.
Completano ciascun francobollo le leggende “GIORNATA DELLA MUSICA” e “FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA FILATELIA”, la scritta “ITALIA”, il nome e la data “MINO REITANO 1944 – 2009”,e il valore “€ 1,00”
Bozzettista: Rita Fantini
Stampa: Officina Carte Valori dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia
Colori: sei
Carta: fluorescente, non filigranata
Formato carta: mm 30 x 40
Formato stampa: mm 26 x 36
Dentellatura: 13¼ x 13
Foglio: cinquanta esemplari, valore “€ 50,00”

3 Commenti
  1. Antonio says:

    Non vedo come potresti celebrare la contemporaneità visto che in Italia è vietato fare francobolli su personaggi viventi.

    C’era l’opzione su Battisti ma sembra che la famiglia non abbia dato il benestare.

    Sulla grafica concordo, si poteva fare di meglio…

    Ciao Antonio.

  2. Mauro says:

    Intendo contemporaneità come categoria mentale. Esempi:

    • quante persone considerano Mino Reitano un rappresentante della cultura contemporanea di questo paese?
    • guarda la serie delle poste inglesi citata sopra; mi sembra un po’ più attuale
    • se poi vogliamo fare dei nomi, qualche anno fa è morta gente come Luciano Berio, Luigi Nono e se vogliamo proprio restare nella musica “leggera”, Fabrizio De André, Luigi Tenco…

    A proposito, Pasolini ce l’ha un francobollo? E Ungaretti?

  3. borguez says:

    caro mauro,
    quel francobollo campeggia (pericolosamente) da oltre un mese sulla mia scrivania. ho rimandato ad oltranza due righe di indignazione da scrivere sul mio blog: non mi sono sentito capace e in più indignato e definitivamente deluso da questo paese perduto. chissà quale magagna italiota si cela dietro questa apparizione orribile (mi riferisco alla grafica).
    mi hai tolto l’incombenza e nello stesso tempo mi hai confermato una lieta consonanza di pensiero: non mi resta che ringraziare e donarti il mio sostegno per le tue tesi a proposito di questo paese, purtroppo mi trovano perfettamente d’accordo.
    i personaggi che auspichi comparire effigiati su francobolli sono ancora troppo vivi perché finiscano leccati posteriorimente!
    un caro saluto (e un augurio)
    a presto
    borguez

Lascia un Commento

Benvenuto , oggi è Wednesday, 28 June 2017