Disgraziani!

Comments: 12 Comments
Published on: 24 January 2007

disgraziani

In 1982 I created a free improvised music duo with the guitar player Roberto ‘Zoo’ Zorzi. The iconoclastic group activity last for some years, cutting down and destroying all melodic & harmonic structures and developing a more sound oriented music.
We mainly worked by processing simple sounds and creating an ever-changing and magmatic audio stream by mean of a long delay line (5 to 10 secs) made by two tape-connected revox machines.
Some melodic or harmonic fragments appear on this music, but are very soon destroyed, wasted or changed by my AKS synth used as sound processing machine working on the looped material (not on the source sounds, see schema here).
So our works were full of ghosts of a refused past and omens, like ruins from which we began building something new.

Disgraziani! was our first work. The piece was first performed on an art gallery about June, 10 1982. This is the original recording. The title refers to the not-easy listening to our music. When I ask Zoo to find a title, he said “Disgraziani! is the word the people will shout after listening to this music”.
A word for non-italian people: Disgraziani contains my name but is very similar to the italian word “disgraziati” that means “fallen in disgrace” and, when shouted to someone, means “criminals, addicted to anti-social activity” and so on.

Current year is the Disgraziani 25th birthday.

Disgraziani fa parte dell’onda iconoclasta del 1982, quando improvvisavamo, Zoo Zorzi ed io, sezionando e distruggendo tutte le strutture melodico/armoniche che ci capitavano sottomano.
Nella presentazione in concerto, infatti, dicevo: “il brano inizia con dei bei suoni di chitarra con arco, che io elaboro facendoli diventare via via sempre più brutti, fino a quando assomigliano solo a disturbi radio”, esternando l’intenzionalità distruttiva.
Ovviamente, nel corso di questa azione altre strutture emergevano, si formavano e scomparivano. Qualcuna riusciva anche a farsi largo ed esistere, come accade per l’arpeggio finale (vedi schema tecnico qui).
I nostri pezzi, quindi, erano pieni di spettri e di presagi, fantasmi di un passato o rovine su cui costruire qualcosa.

Questa registrazione è proprio quella della prima esecuzione che si è tenuta in una galleria d’arte, intorno al 10 Giugno del 1982 (anche questo per alcuni è un presagio).
Quest’anno, dunque, Disgraziani compie un quarto di secolo. Ascoltandolo adesso, a 25 anni di distanza, lo trovo melodico. Come diceva Cage, tutto, prima o poi, è destinato a diventare melodico.

Il titolo è frutto della mente bacata di Zoo :-) . Le nostre prove erano costituite da improvvisazioni totali, senza alcun accordo preliminare, che venivano registrate. Poi, riascoltando, lui diceva “che pacco, questo” e io dicevo “allora lo suoniamo in concerto”. La nostra misura della validità dei brani era quanto potevano essere temibili per l’ascoltatore.
Poi chiedevo “come lo intitoliamo, questo?” e quella volta Zoo rispose “Disgraziani!, quello che ci dirà la gente…”

Graziani/Zorzi – Disgraziani! (1982) – Free improvised music by Mauro Graziani synth, electronic devices, loop control & Roberto ‘Zoo’ Zorzi electric guitar, devices

12 Comments
  1. Fede says:

    yeah posso confermarti che pur non essendo un amante del rumore in eccesso, trovo piuttosto bello questo brano

  2. Andrea says:

    Eppure son cresciuto con Beethoven! Alla fine cambierò anche la pelle come i serpenti,lo sento!!! Pensa che mi danno quasi fastidio gli attimi in cui si riconosce il suono della chitarra… Alcuni passaggi sono davvero incredibili…

  3. alfonso says:

    Ho provato e riprovato, ma non riesco ad ascoltarlo :-( , mentre non ho alcun problema con tutti gli altri link. Mistero….

  4. alfonso says:

    Mi correggo, riesco ad ascoltare quando i link sono diretti ad un mp3, mentre non funziona quando è m3u (playlist?)

    Uso ubuntu 8.04 e mplayer

  5. Mauro says:

    sì, mplayer non supporta gli m3u (che sono playlist). vuole i link diretti all’mp3

    se usi gnome, il problema si può risolvere installando totem che supporta le playlist

    in ogni caso, gli m3u sono file di testo che contengono l’elenco degli mp3 da suonare, quindi, se tu scarichi l’m3u e ci guardi dentro con un editor, ci trovi l’url degli mp3

    io metto gli m3u non per rompere, ma perché funzionano in streaming. in pratica con l’m3u firefox lancia subito il player in streaming, mentre con l’mp3 prima lo scarica tutto e poi lancia il player e questo con file grossi è una rottura.

  6. alfonso says:

    Ok Mauro, ho aperto il file m3u con gedit, ho copiaincollato l’url, e finalmente sto ascoltando

    …e devo dire che nonostante l’intento “distruttivo”, trovo che per gran parte il pezzo sia estremamente fluido e godibile…impressioni a caldo, l’ascolto è appena terminato :-)

    Grazie ancora per la dritta, la utilizzerò per tutti gli m3u: totem lo odio, per motivi che ignoro mi impediva l’ascolto della BBC e di Radio3Rai, non lo reinstallerò mai.

  7. Mauro says:

    ok, allora, anche senza scaricare l’m3u, scrivi così:

    mplayer -playlist http://www.maurograziani.org/sound_pages/disgraziani/disgraziani.m3u

    con l’opzione -playlist anche mplayer funziona.

  8. alfonso says:

    sì, perfetto
    ho provato l’opzione -playlist da terminale, ed è una soluzione decisamente migliore, il file si apre in maniera velocissima ;-)

    c’è sempre da imparare…..

  9. Mauro says:

    ok, se tu adesso fai uno script che contiene solo 2 righe:

    #!/bin/bash
    /usr/bin/mplayer -playlist “$1″

    lo salvi come m3uplayer
    lo rendi eseguibile con
    chmod +x m3uplayer
    lo metti in /usr/local/bin (come root)
    e in firefox lo associ agli m3u
    funziona automaticamente

  10. alfonso says:

    Approfitto ancora della tua disponibilità: ho eseguito e posizionato lo script, associato alla voce audio mp3 (in streaming) ed effettivamente ora in Firefox/3.0.5 gli m3u si aprono in automatico.

    Però non ho capito come gestire il file aperto, nel senso che una volta avviato non può essere fermato, nemmeno se si chiude firefox…..è normale?

    Magari ho sbagliato qualcosa….

  11. Mauro says:

    no, è normale perché lancia un programma privo di interfaccia utente (solo command line)
    per fermarlo devi dare
    killall mplayer

    altrimenti puoi installare gnome-mplayer (cioè una interfaccia utente per mplayer) e poi mettere nello script il seguente comando
    gmplayer -prefer-ipv4 -playlist http://www.maurograziani.org/sound_pages/disgraziani/disgraziani.m3u

  12. alfonso says:

    Giusto, killall, a questa dovevo arrivarci da solo.

    Poi installerò e proverò anche gnome-mplayer, con calma, magari può essere usato per tutti gli m3u presenti sul web.

    Grazie ancora per la paziente consulenza.

    Ora vado ad ascoltare Zar di tutti gli artropodi; alla ricerca delle playlist perdute…

Welcome , today is Monday, 6 July 2020