Ruby Tuesday

Categorie: Pop
Commenti: 4 Commenti
Pubblicato il: 22 June 2007

AnteScriptum per te: niente paura, non sono triste; me la sto solo tirando un po’ :mrgreen:

Ho sempre amato le canzoni lente dei Rolling Stones perché chi ha davvero dentro il rock ha dentro anche una buona dose di malinconia…
E fra tutte ho sempre amato Ruby Tuesday, dal testo all’apparenza sciocchino, ma con quel bel verso “While the sun is bright Or in the darkest night No-one knows She comes and goes” e il finale dell’inciso “Still I’m gonna miss you”.
Adesso su absonderpop trovo questo post in cui sono raccolte molte (tutte?) le versioni di questo brano: dall’originale degli Stones fino a questa bella interpretazione di Melanie Safka (ascoltatela!), passando anche per una versione jazzata by Sex Mob.
Ascoltandole, forse noterete che, a parte l’originale, questa canzone viene meglio alle donne che agli uomini (my opinion), a parte Julian Lennon che a tratti riesce quasi ad assomigliare a suo padre e dell’originale mantiene sia la rullata che la parte di flauto dolce che fu di Brian Jones.
So che, dati i miei gusti musicali, dovrebbe piacermi quella di Battiato, ma non ci riesco: se la tira troppo. È solo una canzone, maledizione!

4 Commenti
  1. SABRINA says:

    ciao potrei sapere chi sono gli autori esatti di ruby tuesdey?grazie
    sabrina

  2. sabrina says:

    chi ha composto ruby tuesday?
    grazie
    sabry

  3. Mauro says:

    ovviamente jagger & richard

  4. cri says:

    sapete la storia di questa canzone??
    bhè è troppo carina ! l’hanno dedicata a una loro compagna di scuola

Lascia un Commento

Benvenuto , oggi è Sunday, 9 December 2018