Zona di Alienazione

Categories: Russia
Tags: , ,
Comments: 4 Comments
Published on: 28 April 2008

La zona di alienazione, detta anche zona dei 30 Km, zona di esclusione o semplicemente la zona, è un’area di circa 30 km di diametro attorno a Chernobyl interdetta agli esseri umani a causa della radioattività che permane e rimarrà per migliaia di anni in seguito al disastro del 26 Aprile 1986.

Sebbene gli effetti delle radiazioni siano visibili anche sugli animali (sono stati documentati vari casi di albinismo negli uccelli e mutazioni genetiche nei topi), sembra che per la natura, la scomparsa di ogni attività umana abbia effetti così benefici da compensare anche la presenza delle radiazioni. Senza i limiti imposti dall’uomo, infatti, piante e animali prosperano in modo mai visto prima ed è interessante notare come anche gli studiosi abbiano diverse opinioni sulla situazione. Vedi, per esempio, questi due articoli della BBC, il primo intitolato “Wildlife defies Chernobyl radiation“, mentre il secondo avverte “Chernobyl ‘not a wildlife haven’“.

Quest’area è ormai divenuta una TAZ (zona temporaneamente, ma forse anche definitivamente autonoma). La natura se l’è ripresa e anche nella città di Pripyat, praticamente disabitata, non è raro incontrare un lupo, un orso o una volpe che attraversano la strada.

Nonostante i controlli di polizia, comunque, vi sono ancora circa quattrocento persone, soprattutto anziane, che in un modo o in un altro, sono tornate nelle loro case e vivono nell’area circostante la centrale, rifiutandosi di abbandonare le loro abitazioni. Si cibano dei prodotti della terra, mangiando alimenti come verdura e funghi e bevendo l’acqua dei torrenti, altamente contaminati.

Vi confesso che l’idea di andarci e concludere la vita con un blog dalla zona del disastro è affascinante.

Qui sotto, alcune immagini della città e del fiume Pripyat (cliccate sulle immagini per ingrandirle).

Il luna park visto dalla casa della cultura e un panorama della città con il sarcofago sullo sfondo.
L’entrata a Pripyat e alcuni edifici
Navi abbandonate sul fiume Pripyat, nei pressi della centrale
4 Comments
  1. Lemi says:

    Posso dire che questi post mi affascinano terribilmente?
    Sarà misantropia?

    Fantastico…

  2. Mauro says:

    anch’io sono affascinato da queste cose. non a caso per anni le mie vacanze consistevano nel cercare luoghi in cui non si vedesse ombra di attività umana…

    misantropia? ma va’. è che per noi le domande fondamentali dell’esistenza non sono “chi siamo, da dove veniamo, etc”, bensì:

    chi siete?
    da dove venite?
    ma soprattutto, quando ve ne andate?

  3. Beh, ma da quanto so organizzano dei tour per la città abbandonata. E sono abbastanza sicuri. http://pripyat.com/en/visit_in_an_area/2007/08/18/1809.html

    Le radiazioni pemangono nei luoghi chiusi, come gli interni di case, mentre all’ aperto la radioattività è ben sotto i livelli di pericolo.
    200 dollari. Non male!

    Paolo

  4. Lemi says:

    😀
    Non male…me le segno!

Welcome , today is Wednesday, 30 September 2020