Procrastinazione strutturata

Categories: Società
Tags: No Tags
Comments: 1 Comment
Published on: 22 October 2011

Se cercate “procrastinazione” su Google, troverete una sfilza di siti che insegnano ad evitarla dipingendola come una pessima abitudine.

Tutto ciò mi ha sempre provocato una certa quantità di sensi di colpa, perché io ho sempre tirato tardi. Sono uno di quelli che invia il 31 il modulo che scade il 31 (fa fede il timbro postale), che finisce alla notte il pezzo da presentare al concerto del giorno dopo (ecco perché non scrivo volentieri musica strumentale), che prepara la notte prima la lezione per il giorno seguente.

Ho sempre pensato, però, di aver bisogno di procrastinare. Non posso semplicemente fare una cosa. Devo aspettare che, dentro di me, scatti qualcosa. Devo aver esaminato ogni aspetto di quello che devo fare e io penso alle cose complesse mentre faccio cose semplici, tipo fare solitari al computer, passeggiare con il cane, guardare fuori dalla finestra…

Finalmente ho trovato qualcuno che mi sostiene e teorizza la procrastinazione strutturata e ci ha vinto un Ig-Nobel. Leggete qui. Questo è il primo paragrafo.

I have been intending to write this essay for months. Why am I finally doing it? Because I finally found some uncommitted time? Wrong. I have papers to grade, textbook orders to fill out, an NSF proposal to referee, dissertation drafts to read. I am working on this essay as a way of not doing all of those things. This is the essence of what I call structured procrastination, an amazing strategy I have discovered that converts procrastinators into effective human beings, respected and admired for all that they can accomplish and the good use they make of time. All procrastinators put off things they have to do. Structured procrastination is the art of making this bad trait work for you. The key idea is that procrastinating does not mean doing absolutely nothing. Procrastinators seldom do absolutely nothing; they do marginally useful things, like gardening or sharpening pencils or making a diagram of how they will reorganize their files when they get around to it. Why does the procrastinator do these things? Because they are a way of not doing something more important. If all the procrastinator had left to do was to sharpen some pencils, no force on earth could get him do it. However, the procrastinator can be motivated to do difficult, timely and important tasks, as long as these tasks are a way of not doing something more important.

[da J. Perry, Structured procrastination]

NB: John Perry is a professor of philosophy at Stanford University.

1 Comment
  1. Lemi says:

    Quanto mi ci ritrovo in ciò che leggo in queste righe. Come accorgersi di non essere il solo a pensare che il procrastinare abbia un valore e, anzi, sia fecondo.
    Un saluto!

    Lemi ancora e sempre pur vivo!

    PS: mai smesso di leggere questo interessante blog (più di una volta ho letto qualche estratto ai miei giovani studenti barbari!) anche se ora lo faccio velocemente e via rss…

Welcome , today is Thursday, 22 October 2020