Ma a Hollywood non hanno i consulenti?

Categories: Storia
Tags: No Tags
Comments: 2 Comments
Published on: 14 December 2006

Ho visto “Il Gladiatore” in tv (il film di Ridley Scott con Russel Crowe).
L’avevano già fatto, ma l’altra volta non l’avevo guardato bene. Stasera non avevo niente da fare e così l’ho guardato bene. Sono rimasto colpito dalla quantità di errori che contiene. Storici, militari, di ambientazione…
Alcuni sono evidenti licenze per migliorare la trama (l’imperatore Commodo non è morto in duello nel colosseo, Marco Aurelio è morto di polmonite, non ucciso) e ci passiamo sopra, ma altri sono veramente grossolani. Quelli di latino, poi, non si contano.
Va bene che sono anche laureato in storia, quindi, nonostante la memoria se vada con la vecchiaia, ne so un po’ di più di un ingegnere, ma dannazione, la maggior parte sono banalità che potrebbero essere sistemate in 2 minuti per fare un lavoro ben fatto.
Giudicate voi. Non me li ricordo neanche tutti e li cito come mi vengono in mente. Cominciamo:

  • I legionari usano il pilum come una falange greca. Errato: serviva solo per essere lanciato.
  • I legionari portano il gladio a sinistra, mentre era a destra per non intralciare lo scudo.
  • I legionari menano fendenti e tagliano braccia e gambe con il gladio. Errato: il gladio si usava di punta, non era nemmeno affilato sui lati.
  • Gli arcieri romani tirano contro i germani a parabola. Questo metodo è stato inventato da Guglielmo il Conquistatore nella battaglia di Hastings (mi pare verso il 1060).
  • I proiettili incendiari esistevano, ma quelli del film sono razzi katiuscia.
  • Il grado di generale non esisteva.
  • Le staffe non esistevano; sono arrivate con gli Unni.
  • Il termine Colosseo è medievale. I romani lo chiamavamo anfiteatro massimo (o flavio).
  • Le tigri nel circo non c’erano.
  • I tempi sono tutti sfasati: Marco Aurelio dice di avere regnato per 25 anni (in realtà 19); Lucio Vero, il bambino, all’inizio del film ha 8 anni, ma il film inizia con la morte di Marco Aurelio, cioè nel 180 e termina con la morte di Commodo, cioè nel 192 e Lucio Vero è ancora un bambino; sempre Lucio Vero, il bambino, dice di portare il nome del padre, ma l’imperatore Lucio Vero è morto nel 169 quindi il bambino non può avere 8 anni nel 180, dopo la morte di Marco Aurelio.
  • Nella tenda di Marco Aurelio si vedono libri! Non esistevano.
  • Il gladiatore è chiamato Massimo, ma dice che il suo nome completo è Massimo Decimo Meridio. Errato, avrebbe dovuto chiamarsi Decimo Massimo Meridio, perché i romani dicevano prenomen, nomen, cognomen.
  • I figli degli imperatori non venivano chiamati principi
  • Nella casa di Massimo in Spagna ci sono le bougainville che sono piante originarie dell’America del Sud importate dopo Colombo.
  • In Africa si fa pubblicità al combattimento con manifestini. Assurdo: la pergamena costava l’ira-di-dio.

Il tutto è abbastanza assurdo. È solo per la superficialità con cui si guarda un film che la cosa sta in piedi. Un libro non reggerebbe neanche 20 pagine.
Ma qualche consulente pagato due lire in una produzione da uno zilione di dollari, no?

2 Comments
  1. §Lo§ says:

    ..e così qualcun altro da aggiungere alla lista che già contava il Dan Marrone di angeli&demoni: gente così ‘a g’ha da sciopàr subito!!(per i non adepti del dialettoveneto:”devono esplodere istantaneamente”)Neanche se inventassero GOOGLE HISTORY se lo andrebbero a controllare!!!E METTONO I LIBRI NELLE TENDE DEI DUCI ROMANI E NON LI CONSULTANO LORO!!!!!AAAAAAAAAAGGGGGGGGGGGHHHHHHHHHHH!!
    ….ma tanto sarà colpa dell’euro..anche se è una produzione u.s.a….

  2. max says:

    Pazzesco però! Ricordo un amico che fece le musiche per non ricordo quale film italiano, guadagnò pochissimo per le musiche ma fu strapagato per una consulenza in cui doveva spiegare a delle comparse da che parte si tiene il flauto o il corno…

    …volevo commentare anche il post sull’andamento del tuo blog, ma è già sparito! sei micidiale, si manca qualche giorno e…pufff si perdono i pezzi! Comunque per me bene così, gran blog, prezioso (come si diceva qualche sera fa…), belle le segnalazioni, anche quelle più “popolari” mi piacciono. Non credo ci sia nulla di male se sting attira più gente di scelsi, finche continui a proporci entrambi, va benissimo così.
    Lunga vita a mgblog!

    un caro saluto max

Welcome , today is Saturday, 26 September 2020