Altri localizzatori acustici

Categories: Audio, Storia, Tecnologia
Tags:
Comments: 1 Comment
Published on: 14 November 2007

war tubes

Questi impressionanti oggetti erano localizzatori acustici mobili in forza all’esercito giapponese negli anni ’30 (quello a destra nella foto è l’imperatore Hiroito).
Data la loro somiglianza allo strumento, venivano anche chiamati “tube da guerra”. Definizione impropria in quanto non emettevano alcun suono, ma si limitavano a ricevere e sperabilmente evidenziare a distanza il suono degli aerei in arrivo.

Sotto, invece, vediamo un fantastico paesaggio, con i localizzatori già visti nel post precedente che danno alla scena un aspetto quasi alieno.
Le foto sono state scattate nel 2000 presso Lade, Dungeness a sud-ovest di Folkestone. Qui le potete vedere meglio. Nella versione originale della prima immagine si nota anche l’asta di metallo che sorreggeva un microfono.

Ecco un altro sito ricco di immagini.
______________________________
The Japanese war tuba (up image) is a colloquial name sometimes applied to Imperial Japanese Army acoustic locators due to their visual resemblance to the musical tuba. The name derived from a misidentification, probably in jest, of a historical photo from the 1930s featuring the Japanese emperor Hirohito inspecting the acoustic locators with anti-aircraft guns in the background.
Acoustic location was used from mid-World War I to the early years of World War II for the passive detection of aircraft by picking up the noise of the engines. It was rendered obsolete before and during World War II by the introduction of radar, which was far more effective.

Many examples of acoustic location mirrors can still be found on the seacoast of Britain to this day (below).

[eng. text from wikipedia]

sound mirrorssound mirrors

1 Comment
  1. Questo è puro steampunk! 🙂

    By the way, il termine steampunk in sé mi fa schifo – che c’è di punk – ma il concetto è assai affascinante.

Leave a Reply

Welcome , today is Wednesday, 24 April 2024